Mago Papoz


Vai ai contenuti

L'occidente

Diventa mago anche tu > Storia e cultura > Cenni storici



STORIA DELLA MAGIA NELLA CULTURA OCCIDENTALE

Nella maggior parte delle culture antiche e moderne, fin dagli albori della civiltà, sono esistite credenze e pratiche magiche, con caratteristiche sostanzialmente simili anche se formalmente diverse, che si possono trovare in relazione ad aspetti tipici dell'occultismo, della superstizione e della stregoneria. Alcune scene di pitture del paleolitico superiore trovate nelle caverne francesi sono state interpretate come aventi finalità magiche, come il successo nella caccia.

LA MAGIA NEL MONDO ANTICO

Narra una leggenda che migliaia di anni fa "Uomini di cristallo" scesero dalle stelle per stabilirsi a Thule, una terra vicina al Polo Nord. Questi saggi maestri furono l'elemento di equilibrio fra i primi abitatori della Terra; con le loro conoscenze tecnologiche impedirono ai grandi cataclismi di distruggere il pianeta e gli uomini che lo popolavano; per merito loro l'umanità conobbe una vera "età dell'oro".
Ma alcuni di questi saggi si lasciarono sedurre dalla magia nera e convinsero gli indigeni a ribellarsi ai Maghi Bianchi: lo scontro distrusse Thule e pose fine al periodo felice.
I pochi sopravvissuti si rifugiarono in un'isola chiamata Iperborea, nome che significa "al di là di Boreas", il vento del Nord, posta fra l'Islanda e la Groenlandia.
Diodoro Siculo scrisse che l'isola aveva dimensioni simili alla Sicilia; era una terra fertile e feconda, dotata di un clima meravigliosamente temperato, tanto da produrre due raccolti all'anno. Vi erano montagne trasparenti come diamanti, regnava sempre un piacevole calore ed i fiori profumavano l'aria; gli abitanti erano bellissimi e molto longevi. Alcuni erano perfino dotati di chiaroveggenza, dono dato loro da Apollo, il dio greco che gli Iperborei veneravano sopra ogni altro, che visitava l'isola ogni diciannove anni, "quando si completa il ritorno delle stelle allo stesso posto nella loro orbita", accolto con danze e canti dagli abitanti.


Un giorno terribile un'immane catastrofe spazzò via Iperborea: una meteorite provocò un violentissimo e repentino raffreddamento, e quel paradiso terrestre scomparve sotto i ghiacci.
La concezione di una razza primordiale venuta dalle stelle, portatrice di una spiritualità trascendente e del bagaglio delle conoscenze "magiche", è comune a molti popoli.
Atlantide, Thule ed Iperborea sono miti nati in Occidente, ma ce ne sono di simili anche nella tradizione orientale, come Mu-Lemuria, il continente scomparso situato fra l'Asia e l'America, del quale l'Australia, l'Isola di Pasqua, le Hawai e la Polinesia sarebbero un residuo.
I racconti di terre misteriose, nascoste ai più o scomparse nella notte dei tempi, si trovano nel folklore di vari paesi e con tratti inspiegabilmente costanti, malgrado la diversità delle civiltà in cui si sono sviluppati: sono tutti paradisi, terre ricchissime, che godono di un clima salubre e favorevole allo sviluppo dell'agricoltura; gli abitanti sono tutti belli e longevi, dotati di poteri mentali particolari; il governo è illuminato e vive in armonia ed in pace con tutti.
Le leggende sui visitatori venuti migliaia di anni fa dalle stelle parlano sempre dei buoni e timorosi indigeni che li hanno accolti con tutti gli onori e considerati come dei. Ma quanti anni ha l'uomo?
In Europa si sono trovati resti di individui del genere homo sapiens, risalenti a 250.000 anni fa; ma l'uomo che più si avvicina a quello di concezione moderna ha "soltanto" 40.000 anni. L'uomo preistorico, vissuto cioè nel periodo che precede l'uso dei metalli, usava solo strumenti di pietra e sulla pietra incideva e dipingeva. Organizzato in piccole tribù, la sua vita dipendeva dalla caccia; era una vita nomade, poiché egli era costretto a spostarsi per seguire le migrazioni degli animali che gli fornivano cibo per nutrirsi e pelli per coprirsi. Il suo unico imperativo era la sopravvivenza di se stesso, della propria prole e della propria tribù.


Home Page | Mago Papoz | Gli spettacoli | Diventa mago anche tu | I grandi maghi del passato | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu